Hai deciso di aprire una SRL? Ecco tutto quello che devi sapere!

Devi aprire una società e hai già deciso che la Srl è la forma giuridica che fa al caso tuo? Ma sei sicuro di aver valutato tutti i pro e i contro?

Oggi proviamo a fare chiarezza. 

Nell’elenco dei pregi, troviamo senza dubbio quello della limitazione della responsabilità. Con questa società infatti, il socio non risponderà di debiti contratti dalla società con il proprio patrimonio personale, sarà responsabile verso i creditori entro il limite del conferimento effettuato.

Un altro punto favorevole prevede la possibilità di avere uno statuto flessibile, che entro i limiti normativi potrà essere adattato alle esigenze dei soci. 

I contro di questa scelta, sono soprattutto legati ai costi. La SRL ha senz’altro dei costi maggiori rispetto ad altre forme societarie, pertanto la scelta deve essere effettuata se si prevede di raggiungere un determinato volume d’affari, nonché una certa redditività.

Anche dal punto di vista gestionale questa scelta comporta qualche criticità in più. Ad esempio dal punto di vista amministrativo con l’obbligo di redazione del bilancio.

Come si costituisca una SRL?

Per costituire una SRL è necessario un atto notarile: occorre redigere lo statuto insieme ad un consulente di fiducia, che preveda tutte le clausole necessarie per il funzionamento della società.

Successivamente, il notaio dovrà redigere l’atto costitutivo in forma pubblica, in seguito verrà  registrato all’Agenzia delle Entrate e depositato alla camera di commercio competente per territorio. 

Cosa deve comprendere l’atto costitutivo di una SRL?

L’atto costitutivo dovrà riportare le generalità dei soci, la ragione sociale, l’oggetto sociale, ovvero le attività che la società prevede di esercitare;

chi amministra la società  e quanto hanno conferito i soci.

La somma del conferimento da parte dei soci, equivarrà al capitale sociale: nella SRL tradizionale, il conferimento dei soci, dovrà essere minimo di 10.000 €, e al momento della costituzione, bisognerà versare almeno il 25 % di esso. 

Se invece hai intenzione di costituire una SRL unipersonale, cioè con un unico socio, il capitale sociale dovrà essere versato per intero. 

Cosa cambia dal dicembre 2021?

Da dicembre 2021, c’è una novità nella costituzione della SRL, sarà infatti possibile costituire la società completamente online! I soci appariranno in videoconferenza davanti al notaio. Sarà possibile costituire una SRL online per le sole società che hanno un capitale sociale conferito esclusivamente in denaro, in questo caso i versamenti dovranno essere effettuati sul conto corrente dedicato del notaio rogante. 

La riunione costitutiva sarà possibile attraverso una piattaforma telematica predisposta e gestita dal consiglio nazionale del notariato, tutti i soggetti interessati all’atto, dovranno essere connessi singolarmente attraverso un proprio dispositivo. 

Ma quanto costa costituire una SRL?

Costituire una SRL comporterà un costo notarile variabile da 1.500 ai 2.500 €. Ci sono poi le spese relative all’imposta di bollo e di registro, ai diritti camerali per il deposito dell’atto in camera di commercio e al diritto annuale (tassa di concessione governativa per la vidimazione dei libri sociali), circa 900 €.

Dovrai dotarti inoltre di PEC (posta elettronica certificata) e prendere il numero di partita iva.

Se invece decidi di costituire una SRL semplificata, saranno mantenute tutte le caratteristiche della SRL tradizionale, tranne il capitale sociale che va da un minimo di 1 € ad un massimo di 9.999 €. 

In questo caso non avrai spese notarili ma soltanto quelle relative alle spese vive di bollo e imposte. Risparmierai sui costi di costituzione sì, ma è altrettanto da considerare il fatto che dovrai fronteggiare un modello organizzativo più rigido, per via dello statuto standard. 

Un altro aspetto non trascurabile è che le SRLS, riscontrano maggiori difficoltà ad ottenere la fiducia delle banche per ottenere eventuali prestiti, proprio in virtù dell’esiguità del capitale sociale conferito, che dovrebbe invece rappresentare la garanzia per i finanziatori.

Le nostre raccomandazioni

Come sempre ti consiglio di rivolgerti ad un consulente, che potrà aiutarti nel tuo caso specifico.

Stai valutando la “salute” della tua attività? Allora è il momento di richiedere una consulenza!

Vuoi approfondire anche il tema del lavoro occasionale o partita iva? Leggi questo articolo.

Potrebbero interessarti anche...