Quale strumento di pagamento scegliere per il tuo e-commerce? Scopriamolo insieme!

Hai deciso di realizzare il tuo primo e-commerce e sei indeciso su quale strumento utilizzare per farti pagare?Scegliere il tuo gateway di pagamento rappresenta sicuramente una scelta molto delicata. Dovrai infatti scegliere il giusto gateway che permetta ai tuoi clienti di sentirsi al sicuro nel momento in cui decideranno di procedere all’acquisto sul tuo sito.

Quali strumenti di pagamento è meglio scegliere per il proprio e-commerce?

I metodi di pagamento più popolari e utilizzati sono certamente STRIPE e PAYPAL.

PayPal è uno strumento che dà la possibilità di effettuare i propri acquisti con una carta di debito, oppure creando il proprio account online e agganciandolo ad una carta o ad un conto corrente.   

Utilizzando Paypal avrai possibilità di tre diverse scelte:

Potrai interfacciarti infatti con Paypal check out, che ti darà la possibilità di ricevere pagamenti attraverso una carta di credito o di debito e altri metodi di pagamento locali; potrai inoltre scegliere il pagamento standard, perfetto se non sei in possesso di un processore di pagamento già impostato, con questo metodo verranno abilitati dei pulsanti di pagamento abilitati tramite un codice fornito da Paypal.

C’è poi Paypal pro, che ha le stesse caratteristiche di Paypal Checkout, ma in questo caso i clienti, al momento del pagamento rimarranno sul tuo sito senza essere indirizzati alla pagina di Paypal. Il vantaggio principale è che, oltre ad avere una maggiore protezione contro le frodi informatiche, i clienti potranno utilizzare la propria carta di credito anche senza avere un account paypal.

Parliamo invece di Stripe. Stripe presenta due tariffe: piano integrato e piano personalizzato. Per acquistare tramite Stripe non sarà necessario avere un account personale, inoltre Stripe ha una certificazione chiamata PCI di livello uno, che garantisce una maggiore sicurezza contro le frodi a tutela degli acquirenti. 

Un altro vantaggio è quello che con Stripe, il cliente resterà sulla pagina del tuo e-commerce, permettendo pagamenti in app e trasferendoli direttamente su carta di debito, trattenendo solo una piccola commissione.

Quali sono i costi di Paypal e di Stripe?

Cominciamo col dire che per entrambi i metodi di pagamento non servono abbonamenti: i loro guadagni sono dati dalle commissioni presenti su ogni transazione. 

Questo rappresenta senza dubbio un vantaggio, specialmente per coloro che si approcciano per la prima volta agli acquisti online.

Stripe costa in tutta l’Unione Europea 1,4% + 0,25 centesimi per transazione; per carte di credito non europee invece, il costo sarà del 2,9% + 0,25 centesimi per operazione. 

Paypal costa invece il 3,4% a transazione + 0,35 centesimi di costo fisso per importi fino a 2.500 €, con l’aumentare dell’importo, diminuirà la percentuale della commissione: 

  • Da 2.500 fino a 10.000€ = 2,7%
  • Da 10.000 a 100.000€ = 2,2%
  • Oltre i 100.000€ = 1,8%

Più aumentano le vendite, più scenderà il costo di Paypal. 

Non dobbiamo dimenticare inoltre che, anche Paypal, assicura il rimborso in caso di eventuali frodi.

Le nostre raccomandazioni

Come sempre ti consiglio di rivolgerti ad un consulente, che potrà aiutarti nel tuo caso specifico.

Stai valutando la “salute” della tua attività? Allora è il momento di richiedere una consulenza!

Guarda il video dedicato a questo tema qui

Vuoi approfondire anche il tema del lavoro occasionale o partita iva? Leggi questo articolo.

Potrebbero interessarti anche...